News

mercoledì, 17. marzo 2021

STOP ALLA PIRATERIA: campagna online «Fake-Fluencer»

Una campagna online su Instagram mira a richiamare l’attenzione sulla pirateria in rete. A tale scopo, STOP ALLA PIRATERIA si affida alla collaborazione di noti influencer svizzeri.

(Foto: kenary820/Shutterstock)

La campagna «Fake-Fluencer» di STOP ALLA PIRATERIA si svolge su Instagram fino al 23 marzo. A tale scopo, STOP ALLA PIRATERIA si affida alla collaborazione con noti influencer quali Smajic, Elvira Legrand e Pedro Rodrigues (lerocquemusic).

 

Chi desidera seguire la campagna, può trovare qui i link ai profili Instagram di STOP ALLA PIRATERIA e degli influencer partecipanti:

 

 

 

 

STOP ALLA PIRATERIA: https://www.instagram.com/stoppiracy_01/ 

 

A proposito di STOP ALLA PIRATERIA

Sul fronte dei consumatori, l'associazione STOP ALLA PIRATERIA promuove soprattutto l’informazione e la sensibilizzazione, forte della collaborazione che la lega alle autorità da un lato, e agli ambienti economici dall’altro. In un mondo in cui le contraffazioni ormai non si contano, lavorare in sinergia è importantissimo. Di conseguenza, l’associazione si concentra soprattutto sulla trasmissione delle informazioni e sulla cooperazione e la coordinazione tra i suoi membri (provenienti dall’economia privata o attivi nell’Amministrazione pubblica), operando sempre a favore della collettività. Oltre agli scambi, interni ed esterni, pone l’accento sull’ideazione e sulla realizzazione, in comune, di campagne di sensibilizzazione efficaci e credibili.

 

Coerentemente alla sua struttura interna, STOP ALLA PIRATERIA è un’associazione politicamente neutra. Per questa ragione non può prendere posizione sulle questioni concernenti l’applicazione del diritto. Presenta all’opinione pubblica dati e fatti, informando in modo attivo sulla contraffazione e la pirateria.

https://www.stop-piracy.ch/ 

 

La SUISA e membro di STOP ALLA PIRATERIA

Restare informati

SUISAblog

Newsletter

La fondazione della SUISA

FONDATION SUISA

Mint Digital Services