News

venerdì, 04. giugno 2021

Risultato annuale della SUISA: il coronavirus mette a dura prova autori ed editori musicali

La pandemia di coronavirus ha avuto gravi conseguenze finanziarie per compositori, parolieri ed editori musicali. Le entrate della SUISA derivanti dalla gestione dei diritti d’autore in Svizzera e all’estero sono diminuite di 16,8 milioni di franchi, pari a un calo di oltre il 10%. Ad essere particolarmente colpiti sono stati i diritti di esecuzione, per i quali il fatturato ha subito una contrazione del 34%. Grazie ad entrate leggermente più alte provenienti dai diritti di emissione e a un forte aumento nel settore online, il risultato complessivo è stato meno grave di quanto temuto. Per gli autori e gli editori musicali la difficile situazione continuerà quest’anno e probabilmente anche l’anno prossimo.

Zurigo, 4 giugno 2021 – Nel 2019 la SUISA era stata in grado di registrare un altro risultato record, ma nel 2020 a causa del Covid-19 tutto è cambiato. Concerti e altre manifestazioni non sono state praticamente possibili e anche negozi, ristoranti e bar, rimasti chiusi per mesi, non hanno riprodotto musica di sottofondo durante questi periodi. Il fatturato della SUISA è di conseguenza diminuito. Nel 2020 le entrate provenienti dai diritti d’autore in Svizzera e all’estero ammontano a 144,1 milioni di franchi. Sono 16,8 milioni di franchi ossia il 10,5% in meno rispetto all’anno precedente (160,9 milioni di franchi). Di conseguenza, compositori, parolieri ed editori musicali ricevono meno soldi dai diritti d’autore: nel 2021 si potranno distribuire 120,4 milioni di franchi ai beneficiari; quasi 15 milioni di franchi in meno rispetto all’anno scorso.

 

Quasi nessun concerto: forte calo dei diritti di esecuzione

Come c’era da aspettarsi, le entrate sono diminuite soprattutto nei diritti di esecuzione: se nel 2019 le entrate in questo settore ammontavano a 52,1 milioni di franchi, nel 2020 sono state di 34,4 milioni di franchi, cioè il 34% in meno. Questo calo è riconducibile principalmente al settore dei concerti, dove le entrate sono diminuite del 51%, passando da 23 milioni di franchi nel 2019 a 11,4 milioni di franchi nel 2020. Le entrate sono diminuite drasticamente anche in altri settori in cui la musica non è stata eseguita. Nel settore alberghiero, le entrate sono scese da 3,7 a 1,99 milioni di franchi (-46%), negli eventi di intrattenimento da 2,36 a 1,24 milioni di franchi (-48%) e nei cinema da 2,6 a 1,07 milioni di franchi (-58%).

 

Sviluppo stabile nei diritti di emissione e un forte aumento nelle attività online

La SUISA ha potuto compensare solo parzialmente questo calo con gli altri settori. Le entrate dei diritti di emissione sono leggermente aumentate da 63,6 milioni di franchi nell’anno precedente a 64,3 milioni di franchi nel 2020. I cali temuti, ad esempio a causa delle minori entrate pubblicitarie delle emittenti radiotelevisive a causa di grandi eventi cancellati, non si sono materializzati.

                                                                                                                    

Nel settore online, l’anno scorso la SUISA ha potuto nuovamente aumentare le sue entrate, passando da 14,5 a 17,1 milioni di franchi (+17,4%). Ciò è dovuto in particolare alle maggiori entrate della filiale SUISA Digital Licensing e della Mint Digital Services, la joint venture con la società statunitense SESAC. SUISA Digital Licensing ha acquisito come nuovi clienti diverse società consorelle ed editori stranieri e ha potuto anche concludere migliori contratti con fornitori di servizi online (piattaforme di streaming e download).

 

Anche le entrate delle indennità sui supporti vergini (diritto d’indennizzo) sono leggermente diminuite: in questo ambito l’anno scorso la SUISA ha incassato l’11% in meno rispetto all’anno precedente (12,4 milioni di franchi anziché 13,9). Per quanto riguarda i diritti di riproduzione, in costante calo da anni, nel 2020 la SUISA ha incassato 4,3 milioni di franchi, l’1,7% in meno rispetto all’anno precedente (4,4 milioni).

 

 

 

Minori introiti accessori e fatturato complessivo

Nel 2020 anche gli introiti accessori della SUISA sono diminuiti, passando da 15,4 a 11,9 milioni di franchi. Di conseguenza, il fatturato complessivo ammonta a 155,9 milioni di franchi, l’11,5% in meno rispetto al 2019 (176,3 milioni).

 

87 franchi su 100 per autori ed editori
Per quanto riguarda i costi, la SUISA ha reagito rapidamente alla crisi causata dal coronavirus. Di conseguenza, la percentuale dei costi amministrativi nel 2020 è rimasta la stessa dell’anno precedente al 13,07%. Così su 100 franchi incassati dai diritti d’autore, la SUISA ne versa circa 87 ad autori ed editori di musica. Grazie agli obblighi liberati – fondi per i quali anche dopo cinque anni non è stato possibile trovare indicazioni sufficienti per le assegnazioni ai beneficiari dei diritti – nel 2021 la SUISA potrà nuovamente versare ai suoi membri una ripartizione supplementare del 7% su tutti gli importi dei conteggi.

 

Aiuto finanziario per i membri della SUISA

Nella primavera del 2020 la SUISA ha agito rapidamente, offrendo ai suoi membri un sostegno per colmare finanziariamente la perdita delle retribuzioni per i diritti d’autore. Da un lato, è stato creato un fondo d’aiuto di 1,5 milioni di franchi, dal quale possono essere effettuati versamenti di sostegno agli autori e agli editori. Inoltre, i termini di rimborso degli anticipi, che i membri della SUISA hanno potuto prelevare per anni, sono stati prolungati fino a quando la situazione per i musicisti si sarà calmata di nuovo. Oltre a ciò, gli autori hanno accesso ai fondi della fondazione di previdenza della SUISA per casi di emergenza.

 

La SUISA si aspetta meno entrate per compositori, parolieri ed editori musicali anche per quest’anno e l’anno prossimo. Ci vorranno mesi, se non anni, prima che i concerti e i grandi eventi con la musica saranno organizzati nella portata precedente alla pandemia.

 

«Soprattutto il settore musicale sta attraversando un periodo eccezionalmente difficile», afferma Andreas Wegelin, CEO della SUISA. «Senza concerti e altri spettacoli, molti musicisti stanno perdendo la loro principale fonte di reddito. Per questo motivo, nella situazione attuale il lavoro della SUISA e le entrate derivanti dall’uso della musica sono particolarmente importanti per molti musicisti. Anche quest’anno focalizzeremo la nostra attenzione sul contenimento delle nostre spese per poter distribuire più denaro possibile agli autori e agli editori musicali.»

 

Il rapporto di gestione 2020 della SUISA è online all’indirizzo www.suisa.ch/rapportodigestione  

 

Sul SUISAblog è inoltre disponibile un articolo dettagliato sul risultato annuale della SUISA (in francese): blog.suisa.ch/fr/des-resultats-remarquables-malgre-le-covid/

 

 

Gli indicatori più importanti dell’esercizio 2020 della SUISA (in milioni di CHF):

 

 

 

2020

 

2019

 

+/-%

 

 

 

 

 

 

 

Diritti d’emissione

 

64,3

 

63,6

 

+1,1%

Diritti di esecuzione

 

34,4

 

52,1

 

-34,0%

Diritti di riproduzione

 

4,3

 

4,4

 

-1,7%

Online

 

17,1

 

14,5

 

+17,4%

Diritti d’indennizzo

 

12,4

 

13,9

 

-11,0%

Estero

 

11,6

 

12,3

 

-6,3%

 

 

 

 

 

 

 

Totale entrate da diritti d’autore in Svizzera e all’estero

 

144,1

 

160,9

 

-10,5

 

 

 

 

 

 

 

Introiti accessori

 

11,9

 

15,4

 

-22,6%

 

 

 

 

 

 

 

Fatturato complessivo

 

155,9

 

176,3

 

-11,5%

 

 

 

 

 

 

 

Totale costi complessivi

 

36,2

 

34,5

 

+5,1%

 

 

 

Ulteriori informazioni:

 

Per i media italofoni:

Stefano Keller

Responsabile sede Lugano

Tel. +41 91 601 86 42

E-mail: stefano.keller@suisa.ch   

 

Per i media tedescofoni:

Giorgio Tebaldi

Responsabile comunicazione SUISA

Tel. +41 44 485 65 03

E-mail: giorgio.tebaldi@suisa.ch

 

 

Informazioni sulla SUISA

La SUISA è la cooperativa dei compositori, dei cantautori e degli editori di musica presenti in Svizzera e nel Liechtenstein. I suoi oltre 40 000 membri includono musicisti di tutti i generi. In Svizzera e nel Liechtenstein la SUISA tutela il repertorio musicale di due milioni aventi diritto in tutto il mondo. Concede licenze per l’utilizzo di questo repertorio mondiale a oltre 120 000 clienti. Nel 2017 la SUISA, in cooperazione con l’organizzazione musicale statunitense SESAC, ha fondato la joint venture Mint Digital Services. L’azienda risponde del conteggio e dell’amministrazione delle attività di concessione di licenze musicali internazionali di SESAC, dell’affiliata The Harry Fox Agency e della SUISA con gli offerenti online e offre i suoi servizi anche agli editori.

 

Con circa 240 collaboratori presso le sedi di Zurigo, Losanna e Lugano, la SUISA realizza un fatturato di oltre 150 milioni di franchi. In qualità di organizzazione non-profit, distribuisce gli introiti delle licenze, dedotti i costi amministrativi, ai vari autori ed editori di musica. www.suisa.ch

Restare informati

SUISAblog

Newsletter

La fondazione della SUISA

FONDATION SUISA

Mint Digital Services