» SUISA » Il diritto d'autore » Il diritto d'autore

Le novità più importanti

Al fine di tutelare il diritto d'autore in maniera adeguata anche nell'era digitale, la legge sul diritto d'autore svizzero è stata riveduta ed è entrata in vigore nella sua nuova forma a decorrere dal 1° luglio 2008.

Le novità più importanti per gli aventi diritto e gli utenti di opere e prestazioni protette dal diritto d'autore sono le seguenti:

  • Oltre agli autori anche gli interpreti, i produttori e gli organismi di diffusione possono ora decidere se e in quale forma rendere accessibili le loro opere e prestazioni su Internet.
  • Non è più possibile eludere le misure tecnologiche tese ad impedire utilizzi illeciti delle opere (blocchi delle copie, controlli dell'accesso) – eccezion fatta per l'allestimento di una copia per l'uso personale.
  • I diritti sulle opere d'archivio degli organismi di diffusione nonché sulle opere "orfane" potranno essere acquisiti più facilmente.
  • Le biblioteche e gli archivi sono autorizzati ad allestire delle copie di opere ai fini della conservazione del loro patrimonio documentario.
  • Viene agevolato l'accesso alle opere e alle prestazioni protette alle persone portatrici di handicap sensoriali.


Domande poste frequentemente


Posso continuare ad allestire copie per l'uso privato (masterizzare CD, ecc.)?
Sì, è lecito masterizzare un CD su un supporto vergine per uno scopo personale (art. 19 par. 1 lett. a LDA). Rientra in questo ambito anche l'utilizzo da parte di parenti e amici stretti. La legge prevede fino ad ora il pagamento di un compenso sui supporti di memoria.

Sono autorizzato ad eludere le protezioni anticopia?

In linea di principio non è consentito eludere le misure tecnologiche efficaci (controlli d'accesso e delle copie, meccanismi di cifratura, di distorsione e altri meccanismi di trasformazione) tese a proteggere le opere e altro materiale protetto. La legge prevede tuttavia un'eccezione: è consentito "craccare" le protezioni per farsi una copia privata ad uso personale.

Il download è ora illegale?

Il download di opere tramite servizi a pagamento elettronici rimane legale e viene addirittura escluso dall'obbligo di compenso previsto dalla legge per le copie a fini privati.
Alla domanda se il download da fonti illegali è proibito non è ancora stata fornita una risposta in sede giudiziaria. In merito alla questione le opinioni divergono in modo significativo. Durante le sue consultazioni, il Consiglio nazionale ha tuttavia esplicitamente rinunciato a vietare il download da fonti illegali.

Cos'è cambiato per gli interpreti?

Accanto agli autori, ora anche gli interpreti possono decidere se e in quale forma diffondere le loro opere e prestazioni su Internet.

Tutti i portatori di handicap possono ora copiare tutto?

No, l'eccezione non è così ampia: le opere protette dal diritto d'autore possono essere riprodotte in una forma accessibile a portatori di handicap nella misura in cui tali persone non siano in grado di percepire le opere attraverso i sensi o lo siano solo in condizioni difficili. Nel caso in cui non vengano prodotti solo singoli esemplari, all'autore è comunque dovuto un compenso. In pratica si tratta soprattutto di libri in scrittura braille e audiolibri per non vedenti.

Per maggiori informazioni


Comunicato stampa del Consiglio federale

Modifiche della legge

Informazioni giuridiche dell'IPI

Restare informati

SUISAblog

Newsletter

La fondazione della SUISA

FONDATION SUISA

Mint Digital Services